Gastroenterologia.net
OncologiaMedica.net
Reumatologia

Trattamento della allergia alle arachidi: risultati promettenti


Un potenziale trattamento per l'allergia alle arachidi ha consentito all'84% dei bambini trattati di mangiare l'equivalente di cinque arachidi al giorno, dopo sei mesi.

Ricercatori del Addenbrooke’s Hospital a Cambridge ( Gran Bretagna ) hanno addestrato il sistema immunitario di 99 bambini a tollerare le proteine delle arachidi, dando loro una polvere proteica di arachidi.

E’stata somministrata ai bambini una dose molto bassa, ben al di sotto della soglia di reazione allergica; dopo che i bambini avevano imparato a tollerare la proteina di arachidi il dosaggio è stato aumentato.

Inizialmente i bambini hanno ricevuto una dose equivalente a un settantesimo di una nocciolina, e la dose è stata aumentata ogni due settimane, mentre i bambini erano in ospedale nel caso si manifestasse una reazione allergica, per poi continuare ad assumere la dose maggiorata a casa.

Dopo sei mesi l’84% di un gruppo e il 91% di un secondo gruppo di bambini erano in grado di tollerare tranquillamente una ingestione giornaliera di 800 mg di proteina di arachidi ( approssimativamente l'equivalente di cinque noccioline ), una quantità di proteine di arachidi 25 volte superiore a quella che potevano tollerare all’inizio della terapia.

L’allergia alle arachidi è la più comune causa di reazioni allergiche, gravi e potenzialmente letali, correlate al cibo.
Attualmente l' unico modo per evitare gravi reazioni nei bambini con allergia alle arachidi è quello di evitare gli alimenti che contengono le arachidi. Tuttavia, le reazioni accidentali sono comuni, con un’incidenza annuale compresa tra il 14 e il 50%. ( Xagena2014 )

Fonte: The Lancet, 2014

Pneumo2014 Med2014



Indietro